Perché fare un festival sulla felicità?

Per tornare a riflettere sul nostro modello di sviluppo urbano
Per capire come valorizzare un patrimonio relazionale
capace di determinare il benessere delle persone,
nei luoghi di lavoro come nella vita sociale e familiare